“Marhanima” all’Arsenale della Marina Regia. 10\10\2018

L’onda continua il suo viaggio dentro l’anima del mare. Marhanima, edito da Ed. Simposium, è stato definito un poemetto. Conta circa 600 versi e 22 strofe intervallate dalle immagini di Poesia Sculturata.

Sono Onorata di aver presentato il mio libro “Marhanima” di nuovo all’Arsenale della Marina Regia in collaborazione con la Soprintendenza del Mare.

GRAZIE A chi c’è stato e GRAZIE a chi ha acquistato “Marhanima”, “Sillabe nel Vento” e “La giostra drata del Ragno che tesse”.

Ringrazio Adriana Fresina Soprintendente, Alessandra de Caro Dirigente UO2 Museo del Mare Arsenale della Marina Regiae Veronica Giuseppina Billone Ed. Simposium

Ringrazio il prof. Salvo Galiano per il suo intervento

Ringrazio Anna Barone, Myriam De Luca, Alessandra De Caro, Cinzia Romano La Duca, Vinny ScorsoneTeresa RiccobonoEnza Picone, Veronica G. Billone, Palma Civelloche hanno interpreteto le strofe iniziali di Marhanima.

Questa, più delle precedenti, è stata una presentazione particolare… piuttosto che parlane io preferisco farvi leggere il commento del prof. Rosario Sanguedolce:
“La sperimentazione è una esigenza insopprimibile che l’uomo avverte come aspetto fondamentale della propria vita. Sperimentare vuol dire ricercare nuove, nuovi stimoli indifferentemente sia nel campo delle scienze umane sia un campo di quelle cosiddette esatte. Spesso la sperimentazione si isterilisce quando diventa esercizio retorico o quando si propongono studi che non hanno alcun razionale. Oggi pomeriggio Giovanna Fileccia ci ha proposto una sperimentazione nell’ambito della poesia talmente innovativa da lasciare i presenti stupiti i quali ne hanno capito il senso e hanno applaudito convinti. La idea della disposizione semicircolare dei lettori rompe quella monotonia dell’alternarsi al leggio ma crea un forte dinamismo tra la regista (Giovanna) e gli altri lettori che l’hanno assecondata in questo giro semicircolare di lettura. Bello bello e innovativo ricorda certi gruppi di avanguardia teatrale che ebbero successo negli anni ‘60 e ‘70 del secolo scorso. , ma fu una vita effimera. Brava Giovanna ma bravi i lettori che hanno capito il senso della sperimentazione e ne hanno assecondato lo svolgimento
Per ultimo ma non ultimo questa semicircolarità avvicina molto la recitante al pubblico: viene meno il sipario del leggio è quasi la lettrice diventa attrice e pubblico nello stesso tempo.”
Rosario Sanguedolce

 

Video realizzato dal fotografo Francesco Ferriolo (Associazione amici della Soprintendenza del Mare).

 

La diretta di RADIO IN 102 per promuovere Marhanima

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...