Le mie poesie. IL PIANISTA

IL PIANISTA (L’ASPETTATIVA) da La Giostra dorata del Ragno che tesse

All’ombra,sinfonie in festa,
illuminano il buio
d’armonica eleganza.
Tra ballanti dita
la prima nota
sboccia
in onde
divaga
e
si
dispiega.

Ed eccolo
a seguitare nel
complesso
strimpellio.
A carezzare
amorevoli corde.
Dita ora lievi,
ora pressanti.
Sinergia di sensi.
Fluenti emozioni
piene di un sé vibrante.

Eppure tutto
si decide nell’istante
in cui – il pianista-
dinanzi
l’opulente strumento
alza
con referenza
al suo frac
la coda
e
sospeso
nell’intenzione,
le estremità
oltre il sedile
lascia cadere.
E ancora prima
di sfiorare la tastiera
respira
a
ossigenare
la poesia
che sprigionerà
suoni di
perfetta armonia.

Giovanna Fileccia

Da La Giostra dorata del Ragno che tesse, ed. Simposium.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...